Navigation

ZH: auto tra due treni vicino a Winterthur, grave una donna

Il luogo dell'incidente fra Schottikon e Elgg, a est Winterthur, nel canton Zurigo. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 febbraio 2021 - 16:42
(Keystone-ATS)

Un'automobilista di 41 anni è rimasta gravemente ferita ieri sera dopo che la sua vettura, finita sui binari delle FFS tra Schottikon (ZH) e Elgg (ZH), vicino a Winterthur, è rimasta incastrata tra due treni che circolavano in senso opposto.

L'incidente si è verificato verso le 22:30 di lunedì. La donna è stata trasportata in ambulanza in ospedale. Martedì pomeriggio la polizia non è stata in grado di precisare le sue condizioni.

Resta un mistero come la donna sia finita con l'auto sui binari, ha detto a Keystone-ATS un portavoce della polizia cantonale zurighese. Nelle vicinanze del luogo dell'incidente non c'è infatti nessun passaggio a livello.

La vettura è andata completamente distrutta. Lo spazio fra i due treni è di soltanto 80 centimetri e per estrarre la conducente il veicolo ha dovuto essere fatto a pezzi, ha raccontato ai media locali il comandante dei servizi di intervento di Winterthur.

I circa 80 passeggeri dei treni - tutti illesi - sono stati fatti scendere dai convogli e hanno potuto continuare il viaggio in bus, hanno comunicato le FFS. Illesi anche i macchinisti dei due treni.

Danni ingenti

Nell'incidente sono rimasti coinvolti un InterRegio proveniente da San Gallo e un InterCity proveniente da Zurigo. L'impatto ha fatto deragliare il primo vagone di un convoglio e il primo asse dell'altro. I danni ai convogli e ai binari sono ingenti.

In seguito all'incidente, i treni a lunga percorrenza tra Zurigo e Wil (SG), su una delle tratte più trafficate della rete ferroviaria svizzera, hanno dovuto essere cancellati. Un binario è stato riaperto al traffico oggi pomeriggio alle 14.00 e il secondo lo sarà nel tardo pomeriggio, hanno fatto sapere le FFS.

Le Ferrovie federali hanno iniziato i lavori di riparazione nella notte. I soccorsi e le operazioni di ripristino dei binari hanno reso necessario l'intervento di circa 120 uomini. Sul posto anche la polizia scientifica e gli esperti del Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) per le indagini del caso.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.