Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Wu Bangguo in visita nella Confederazione

Per la prima volta il presidente del comitato permanente dell'Assemblea popolare nazionale cinese ha effettuato una visita di cortesia in Svizzera. Wu Bangguo è stato ricevuto dalle presidenti della Confederazione e delle Camere federali.

I colloqui di domenica con la presidente della Confederazione e ministra dell'economia Doris Leuthard erano incentrati sui "60 anni di relazioni diplomatiche e la cooperazione tra i due Paesi", scrive il Dipartimento federale dell'economia (DFE) in un comunicato.

Giunto in Svizzera venerdì, Wu Bangguo aveva avuto un incontro sabato con le presidenti della Camera del popolo, Pascale Bruderer, e della Camera dei Cantoni Erika Forster-Vannini, che avevano invitato l'ospite cinese in occasione della sesta riunione delle presidenti di parlamenti, tenuta a Berna il 16 e il 17 luglio. I colloqui sono stati seguiti da un pranzo, si precisa in una nota con reportage fotografico pubblicata sabato sul sito del parlamento svizzero.

Il DFE ricorda nel comunicato domenica che la visita di Wu Bangguo si inserisce nell'ambito di una serie di incontri ai massimi livelli fra i due Paesi, in occasione del 60° anniversario dei rapporti diplomatici bilaterali.

Il vice primo ministro cinese Li Kegiang era stato ricevuto a Berna alla fine di gennaio. Sul fronte elvetico, la ministra degli affari esteri Micheline Calmy-Rey è stata in visita in Cina alla fine di giugno. Inoltre, in agosto, "la presidente della Confederazione si recherà in Cina con una delegazione economica di personalità di alto rango".
Il DFE aggiunge che "dal 2002, la Cina rappresenta il principale partner commerciale della Svizzera in Asia". La Cina è al terzo posto delle importazioni nella Confederazione, alle spalle dell'Unione europea e degli Stati Uniti, e si colloca al quarto posto delle esportazioni di prodotti elvetici. "Al fine di migliorare l'accesso al mercato, è attualmente in corso uno studio congiunto di fattibilità per valutare l'opportunità di avviare trattative per un accordo di libero scambio tra la Svizzera e la Cina", si sottolinea nella nota.

Al suo arrivo all'aeroporto di Zurigo-Kloten, Wu Bangguo aveva distribuito un discorso scritto, nel quale dichiarava che negli ultimi anni la Svizzera è diventata un importante partner commerciale della Cina in Europa e "fonte di investimenti esteri e di produzione tecnica, portando ai due paesi e ai due popoli vantaggi concreti".

swissinfo.ch


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×