Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il Dalai Lama ringrazia la Svizzera

La guida spirituale tibetana ha ringraziato giovedì le autorità e la popolazione svizzere per la solidarietà dimostrata nei confronti dei rifugiati tibetani arrivati a partire dal 1960 nella Confederazione. Durante la prima giornata della sua visita, egli si è incontrato anche con la presidente del Camera bassa del parlamento Pascale Bruderer.

«È stato un colloquio molto interessante e ricco di impressioni», ha detto Pascale Bruderer. Il premio Nobel per la pace l'ha ringraziata e ha mostrato tutta la sua gratitudine per l’accoglienza accordata dalla Svizzera ai tibetani in esilio.

La consigliera nazionale socialista ha da parte sua sottolineato l'ottima integrazione della comunità tibetana in Svizzera, arrivata ormai alla terza generazione. Con circa 4000 persone la comunità tibetana nella Confederazione è la più grande in Europa.

Giovedì pomeriggio, all'incontro di Rikon hanno preso parte circa 400 tibetani di Svizzera vestiti con abiti tradizionali, assieme a diversi simpatizzanti e parlamentari federali – ma senza un rappresentante del governo elvetico, ad una cerimonia di ringraziamento in un hotel di Zurigo, organizzata dalle due principali associazioni della comunità tibetana elvetica.

Rivolgendosi al pubblico, il Dalai Lama ha ringraziato il governo svizzero, le organizzazioni umanitarie e la popolazione per «l'incredibile» sostegno dato ai rifugiati tibetani.

La guida spirituale ha sottolineato in particolare gli sforzi profusi da Toni Hagen, un ex collaboratore dell'ONU presente sul palco che per primo attirò l'attenzione delle autorità svizzere sui problemi dei circa 18'000 rifugiati tibetani in Nepal e in India.

La visita zurighese del Dalai Lama prosegue fino a domenica prossima. Il fitto programma prevede una serie di conferenze sul tema dell'altruismo nell'economia, al "Kongresshaus" e all'"Hallenstadion". Sabato pomeriggio il capo spirituale tibetano prenderà inoltre la parola sul "Münsterhof", la piazza antistante la cattedrale "Fraumünster", nell'ambito di una manifestazione di solidarietà con il Tibet. Si tratterà di una delle rare apparizioni pubbliche all'aperto del Dalai Lama.

swissinfo.ch e agenzie


Link

×