Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Ritirata l'iniziativa sulla pena di morte

La controversa iniziativa popolare volta a reintrodurre la pena capitale in Svizzera per determinati crimini è stata ritirata: lo hanno comunicato mercoledì i promotori sul loro sito internet.

Un gruppetto di sette privati cittadini aveva lanciato un'iniziativa popolare che chiedeva l'introduzione della pena capitale per chiunque commetta un omicidio o un assassinio in relazione con un atto sessuale con fanciulli, coazione sessuale o stupro. I promotori non rappresentano alcun partito, aveva puntualizzato il loro capofila Marcel Graf. Si tratta parenti e amici di una vittima di assassinio e abuso sessuale.

Comunicando il ritiro dell'iniziativa, i promotori hanno ribadito che l'attuale stato di diritto favorisce i colpevoli di tali crimini a scapito dei famigliari e delle vittime stesse. Spetta ora ai politici – aggiungono – trovare i giusti correttivi. Da ultimo, il comitato sottolinea che quanto intrapreso costituiva l'unico modo per attirare l'attenzione sulla situazione attuale.

Nell'argomentario sul sito internet dell'iniziativa, i promotori avevano in particolare messo l'accento sul dolore dei familiari delle vittime. A loro avviso, la pena di morte è «giusta e logica» nei casi previsti dall'iniziativa, perché – sostengono – solo l'esecuzione capitale dell'assassino consente ai familiari di superare il trauma.

Il testo aveva superato l'esame preliminare della Cancelleria federale. I termini erano quindi stati pubblicati martedì sul Foglio federale: i promotori avrebbero avuto 18 mesi di tempo per raccogliere le 100'000 firme necessarie per la riuscita formale dell'iniziativa.

swissinfo.ch


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza