Navigation

"Lasciare aperta opzione nucleare",economiesuisse

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 maggio 2011 - 18:13
(Keystone-ATS)

Anche dopo l'incidente di Fukushima, "la Svizzera deve lasciare aperta l'opzione nucleare". Lo chiede una risoluzione approvata oggi all'unanimità dal comitato direttivo di economiesuisse.

Le imprese svizzere utilizzano il 60% del consumo nazionale di corrente elettrica, sottolinea la Federazione svizzera delle imprese in una nota. Un'approvvigionamento energetico sicuro, efficace, competitivo ed ecologico è indispensabile per la piazza economica elvetica.

L'organizzazione padronale comprendere la preoccupazione che l'incidente di Fukushima ha causato in ampi strati della popolazione. Malgrado ciò, non bisogna "prendere decisioni affrettate e che non potranno più essere cambiate".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.