Navigation

46,2 milioni di poveri negli USA, un massimo da 52 anni

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 settembre 2011 - 20:08
(Keystone-ATS)

La crisi e la recessione rendono gli Stati uniti più poveri: gli americani che vivono in condizioni di povertà sono aumentati a 46,2 milioni di persone, la cifra maggiore da 52 anni. Il tasso di povertà è balzato al 15,1%: un americano su sei è povero, il livello più alto dal 1993. Balzo anche del numero di coloro che non hanno l'assicurazione sanitaria: sono 49,9 milioni di persone, il più elevato da decenni.

A scattare la fotografia della società statunitense nel 2010 è il rapporto del Census Bureau. E le prospettive non sono rosee, con alcuni analisti che ritengono che il peggio debba ancora arrivare in termini di povertà con sei milioni di americani fuori dal mercato del lavoro da oltre sei mesi e che rischiano di scivolare in povertà.

In calo anche la ricchezza delle famiglie, calata del 2,3% a 49'400 dollari. I giovani fra i 15 e 24 anni sono i più colpiti e i loro redditi medi sono scesi del 9%. Il reddito annuale dei capifamiglia maschi lavoratori nel 2010 è rimasto invariato ai livelli del 1973 a 47'715 dollari.

L'anno scorso 2,6 milioni di persone sono scivolate in povertà, portando il totale "a 46,2 milioni di persone, la cifra più alta nei 52 anni in cui il Census Bureau si occupa del rapporto", afferma Trudi Renwick, numero uno della divisione Statistiche sulla povertà del Census Bureau. "I dati mostrano come le condizioni economiche sono cambiate e come hanno avuto impatto sugli americani", evidenzia Robert Groves, direttore del Census Bureau.

Il Mississipi è lo stato con il tasso più alto di povertà (22,7%), mentre il New Hampshire è quello con il più basso (6,6%). Il tasso di povertà è aumentato in tutti i gruppi etnici eccetto gli asiatici. Il numero degli ispanici in povertà è salito dal 25,3% al 26,6%, quello fra gli afro-americani dal 25,8% al 27,4% mentre per gli asiatici è rimasto al 12,1%. Il numero dei bianchi in povertà è salito dal 9,4% al 9,9%. Il tasso di povertà fra i bambini è salito dal 20,7% al 22%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?