Navigation

A Parigi indignados alla Bastiglia, è "Paris del sol"

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2011 - 17:10
(Keystone-ATS)

La piazza della Bastiglia a Parigi è diventata la piazza "Paris del Sol" da quattro giorni a questa parte, da quando cioè un appello lanciato su Facebook ha spinto i giovani francesi ad "indignarsi" proprio come i loro coetanei spagnoli che da una settimana occupano la Puerta del Sol a Madrid.

Il movimento parigino di solidarietà ai giovani spagnoli che gridano il loro malcontento è cominciato giovedì scorso, con una manifestazione davanti all'ambasciata di Spagna. Poi la folla si è spostata alla Bastiglia, nei pressi dell'Opera. Fino a ieri sera erano ancora tra i 150 ed i 200 i giovani ad "accamparsi" per il terzo giorno consecutivo nella piazza parigina, luogo simbolo di tante lotte sociali.

"Indignatevi", "Rivoluzione" o ancora "Spanish revolution, people of Europe rise up" (Rivoluzione spagnola, popolo d'Europa sollevati), era scritto su alcuni striscioni. Un pò alla volta, tramite i social network ed i blog, l'appello ad una "French revolution" si è allargato anche ad altre città francesi.

Nuove date e luoghi di riunione spuntano ogni ora sul web. Ancora oggi, si legge su alcuni blog, viene rinnovato l'appello a mantenere "l'accampamento permanente" della Bastiglia. Se gli "indignados" di Madrid o di Barcellona sono diverse migliaia, gli "indignés" di Parigi, disposti a passare notte e giorno sul posto, sono ancora poco numerosi.

Nella notte tra sabato e domenica erano una cinquantina ad aver dormito dentro un sacco a pelo a Parigi. Molti di loro sono spagnoli, come Pepe, studente di 25 anni che, guardando alla sua Spagna, spera che lo spirito rivoluzionario contagi davvero anche Parigi e che la protesta diventi "francese ed internazionale".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.