Navigation

Accordo di riammissione con il Benin

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 ottobre 2010 - 20:08
(Keystone-ATS)

BERNA - La Svizzera ha concluso oggi con il governo del Benin un accordo sull'entrata, la dimora e il ritorno delle persone, come pure un accordo sulla soppressione reciproca dell'obbligo del visto per i titolari di un passaporto diplomatico o di servizio.
I due accordi sono stati firmati da Alard du Bois-Reymond, direttore dell'Ufficio federale della migrazione (UFM), e Jean-Marie Ehouzou, ministro degli esteri del Benin, in occasione del 13esimo vertice della francofonia a Montreux, indica in una nota l'UFM. Erano presenti anche la presidente della Confederazione Doris Leuthard e il suo omologo del paese africano Thomas Yahi Boni.
Il primo dei due accordi - scrive l'UFM - introduce delle novità in materia di migrazione in quanto include, "oltre agli elementi relativi alla riammissione e alla reintegrazione, anche disposizioni sul ritorno, l'ammissione, la cooperazione tra autorità e l'aiuto allo sviluppo".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?