Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Le potenze arroganti sono alla fine del loro cammino" e "con l'aiuto di Dio, si va verso un Medio Oriente senza il regime sionista (Israele, ndr) e senza gli Usa". Lo ha detto oggi il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad in merito alle rivolte in Egitto e altri Paesi arabi.

Ahmadinejad, che parlava davanti a una grande folla sulla piazza Azadi a Teheran nel 32/o anniversario della rivoluzione iraniana, ha affermato che oggi si assiste ad "un risveglio globale guidato dall'Imam dei Tempi", cioè il dodicesimo Imam che gli Sciiti credono scomparso e di cui attendono il ritorno. "Le potenze arroganti sono in stallo e la vittoria è vicina", ha aggiunto il presidente iraniano.

Poi, rivolgendosi agli Egiziani, Ahmadinejad li ha messi in guardia dai "complotti satanici" di potenze straniere che intendono deviare la "rivoluzione". "Alcuni - ha sottolineato, con evidente riferimento agli Stati Uniti - si vogliono presentare come amici dei popoli arabi, ma stanno solo perseguendo i loro interessi". Anche la Guida suprema iraniana, ayatollah Ali Khamenei, parlando una settimana fa durante la preghiera del venerdì, ha incitato il popolo egiziano a continuare nella sollevazione per abbattere il presidente Hosni Mubarak ed instaurare un regime islamico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS