Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Anno record, il 2010, nella storia dell'aiuto elvetico ai paesi colpiti da catastrofi: l'intervento del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA) nelle zone di crisi non è mai stato così rilevante come l'anno scorso, ha detto oggi a Berna il capo del CSA Toni Frisch in occasione della conferenza annuale della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC).

L'aiuto svizzero ha dovuto far fronte a numerosi grossi disastri come il sisma ad Haiti e le inondazioni in Pakistan, ha sottolineato Martin Dahinden capo della DSC.

Attualmente gli esperti svizzeri si attivano su tre fronti: il sisma e lo tsunami che hanno colpito il Giappone lo scorso 11 marzo, il conflitto in Libia e le violenze politiche in Costa d'Avorio.

Il 2010 conferma un trend generale, ha affermato Frisch: ci sono sempre più catastrofi che richiedono un intervento umanitario e questo comporta un'evoluzione anche nel lavoro svolto dal CSA e dalla DSC, ha precisato: "Intendiamo rafforzare la presenza sul posto".

Vi sono tuttavia anche catastrofi "dimenticate" come la sofferenza della popolazione in Darfur e la guerra civile in Somalia: "la DSC cerca di dare voce anche a queste persone", ha detto Frisch. La Direzione dello sviluppo e della cooperazione si impegna anche nell'aiuto a lungo termine, nella ricostruzione e nella prevenzione di nuovi disastri, ha aggiunto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS