Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattinata tranquilla oggi a Tirana dopo gli scontri violenti di ieri fra i manifestanti dell'opposizione di sinistra e gli agenti di polizia davanti alla sede del governo, che si sono conclusi con il tragico bilancio di tre vittime civili e circa 60 feriti fra dimostranti e agenti. Durante la notte, affermano i media, diverse persone sono state arrestate dalla polizia per "azioni violente" su disposizione della procura.

L'opposizione, che esige le dimissioni del governo, ha annunciato per oggi "una giornata di lutto, in onore delle vittime" degli scontri e che domani riprenderà le proteste. "Io sarò in prima fila a guidare le manifestazioni. Dimostreremo che anche un regime di barbari potrà essere abbattuto senza la violenza", ha dichiarato ieri sera il leader socialista e attuale sindaco di Tirana, Edi Rama. L'opposizione accusa la polizia e le unità della guardia della Repubblica di essere responsabili della morte dei tre manifestanti.

Intanto la procura di Tirana ha acquisito un video che dimostrerebbe inequivocabilmente come a sparare sia stato un membro della Guardia di Repubblica, appostato all'interno della sede del governo. Le immagini, realizzate da un cameraman dell'emittente albanese News24, che le ha trasmesse nel corso della notte, mostrano il militare in ginocchio al riparo di una nicchia dentro il giardino del governo, poi si vede la fiammata dello sparo e contemporaneamente il dimostrante stramazzare al suolo morto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS