Navigation

Algeria: centinaia famiglie ospitate in una moschea

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 ottobre 2011 - 13:04
(Keystone-ATS)

L'ondata di maltempo che si è abbattuta su parte del Nord Africa sta creando gravissimi disagi in Algeria, soprattutto nella provincia di Batna dove le piogge torrenziali hanno provocato lo straripamento di tre fiumi, gli 'oued' Zitari, Boulechraf e Bouatab. Le acque hanno invaso case ed esercizi commerciali raggiungendo i due metri d'altezza. A Doufana gli abitanti sono stati costretti ad abbandonare le loro case, trovando rifugio in una moschea e in un edificio scolastico.

Per invitare i cittadini ad abbandonare le loro abitazioni e a raggiungere la moschea - trecento famiglie hanno risposto all'appello, secondo quanto riferisce el Watan - sono stati lanciati dagli appelli servendosi dell'altoparlante collocato sul minareto e che viene solitamente usato dai religiosi per le preghiere. Gravissimi i danni, oltre che alle case, anche ai terreni coltivati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.