Navigation

Algeria: proteste, ministro, crisi dei prezzi sarà risolta

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 gennaio 2011 - 13:46
(Keystone-ATS)

ALGERI - "Iniziamo ad avere il controllo di questa crisi dei prezzi" e "troveremo una soluzione già all'inizio della prossima settimana". Lo ha dichiarato il ministro del commercio, Mustapha Benbada, tentando di mettere un freno alle violente manifestazioni esplose negli ultimi giorni in tutta l'Algeria in seguito ai rincari di alcuni generi alimentari, come olio e zucchero.
Il prezzo dei due prodotti è aumentato nell'ultima settimana di oltre il 20%. Dopo un incontro con gli importatori di olio e zucchero, Benbada, citato da APS, ha spiegato di aver trovato un accordo per cercare di frenare l'impennata dei prezzi.
I prodotti alimentari "sono disponibili", ha aggiunto il ministro scartando la possibilità di una penuria. Le voci di un'imminente carenza di pane hanno alimentato le proteste scoppiate proprio in seguito agli ultimi rincari. Ultima scintilla di una già difficile situazione sociale segnata da un'alta disoccupazione giovanile e dalla carenza di alloggi.
Nel frattempo, in seguito alle violente manifestazioni è stato deciso di annullare tutte le partite del campionato di calcio in programma per questo weekend (venerdì e sabato). Lo ha annunciato la Lega nazionale di calcio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.