Navigation

Allievi maschi svantaggiati a scuola? dibattito in Svizzera tedesca

Il ruolo dei ragazzi nella scuola è al centro di un acceso dibattito. KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2019 - 11:17
(Keystone-ATS)

Gli allievi maschi sono svantaggiati da un sistema scolastico elvetico che si fa sempre più femminile? È la domanda che si pone il Tages-Anzeiger, alla luce del disagio che sembra emergere fra i ragazzi e di un dibattito in corso nella Svizzera tedesca.

"Veniamo bombardati con il messaggio che, in quanto uomini, dobbiamo sentirci in colpa", affermano dei liceali interpellati nell'ambito di un ampio reportage. La pressione a loro avviso arriva dalle docenti e dalle compagne. "Se un insegnante fa una battuta sul femminismo le ragazze corrono dal rettore, perché si tratta di sessismo. Ma se affermazioni analoghe sono espresse sugli uomini nessuno parte in loro difesa", sostengono gli interessati. La situazione della donna è spesso un tema anche durante le lezioni: "è come se il sessismo fosse diventata una materia scolastica a sé stante".

Secondo la testata zurighese oggi sottolineare le differenze fra i sessi è poco popolare e ancora di più è far presente gli svantaggi con cui sono confrontati gli uomini. Questo nonostante le cifre diano da pensare: il 90% del corpo docente alle elementari è femminile, mentre la percentuale di maturità conseguite fra le ragazze è ampiamente superiore a quelle degli uomini (43% a 33%). È vero che i licei diventano più femminili, ammette Marc Eyer, dirigente presso l'alta scuola pedagogica del canton Berna. "Non bisogna drammatizzare, ma vale la pena di analizzare il tema in modo sistematico", afferma in dichiarazioni riportate dal Tages-Anzeiger. A livello di scuola elementare il problema è noto e si cerca attivamente di attirare di nuovo docenti maschi. Per quanto riguarda i licei invece questa consapevolezza manca ancora.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.