Navigation

Atene: centinaia diimmigrati allo sciopero della fame

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 gennaio 2011 - 13:56
(Keystone-ATS)

Oltre duecento lavoratori immigrati sono giunti nelle prime ore di oggi nel porto ateniese del Pireo provenienti da Creta per partecipare, da martedì, ad "uno sciopero in massa della fame" a tempo indeterminato ad Atene e Salonicco per chiedere "le legalizzazione di tutti gli immigrati" e la solidarietà di tutti i Greci.

La protesta di massa è chiamata "Sciopero della fame dei 300", ma apparentemente, a giudicare dal gruppo giunto via mare da Creta, il loro numero potrebbe essere maggiore. Da Atene una parte di coloro arrivati dall'isola raggiungerà Salonicco, al Nord.

In un documento diffuso su internet, gli immigrati hanno annunciato che da martedì inizieranno il più grande sciopero della fame mai realizzato in Grecia "mettendo a repentaglio le proprie vite" perchè, affermano "questa non è vita per gente con dignità".

Gli immigrati denunciano i progetti di "un muro lungo l'Evros, centri di detenzione in mare, l'esercito europeo nell'Egeo, repressione nelle città e deportazioni in massa". E invitano i Greci a sostenere la loro lotta e non credere alla propaganda secondo cui essi sarebbero "i responsabili di un'aggressione senza precedenti da parte del loro stesso governo".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.