Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il portavoce del comitato d'inchiesta sull'attentato all'aeroporto internazionale Domodedovo di Mosca ha annunciato che il caso è stato risolto. Lo riferiscono le agenzie russe.

"Il caso dell'attentato terroristico all'aeroporto Domodedovo è stato risolto", ha dichiarato il portavoce del comitato d'inchiesta Vladimir Markin, senza fornire per ora altri dettagli.

Nell'attentato del 24 gennaio, compiuto da un terrorista kamikaze e non ancora rivendicato, sono morte 35 persone ed altre 180 sono rimaste ferite, di cui circa 130 ancora ricoverate in ospedale.

Finora era stata privilegiata la pista caucasica, anche se negli ultimi giorni si era ipotizzato in modo non ufficiale che a commettere l'attentato fosse stato un uomo di etnia russa, Vitaly Razdobudko, 32 anni, originario della regione meridionale di Stavropol, confinante con le repubbliche caucasiche di Cecenia e Daghestan.

Membro di un gruppuscolo wahabita (una delle correnti più estremiste dell'Islam) sgominato nell'ottobre scorso, la Jamaat Nogai (battaglione Nogai, dal nome di una etnia), Razdobudko anni fa si era convertito all'Islam e frequentava una moschea ritenuta un covo di integralisti islamici.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS