Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

SYDNEY - Gli interventi di recupero dalle inondazioni che hanno devastato il nordest tropicale dell'Australia saranno ostacolati dal ritorno di forti piogge, previsto per i prossimi giorni dagli uffici meteorologici.
Un violento temporale ieri ha colpito fra l'altro Rockhampton presso la foce del fiume Fitzroy, la più popolosa fra le città alluvionate, appena due giorni dopo che il livello delle acque aveva raggiunto il culmine di 9,2 metri cominciando a recedere. E l'ufficio meteorologico prevede che forte vento, piogge torrenziali, grandinate e piene improvvise colpiranno di nuovo la regione.
Mentre la piena dei maggiori fiumi avanza lentamente verso nuove aree, nelle cittadine a monte alcuni i residenti evacuati cominciano a tornare in case coperte di melma, con un massiccio lavoro di sgombero e ripulitura da fare. Secondo le autorità quasi 4000 persone restano in alloggi di emergenza, in centri di evacuazione o presso familiari o amici.
Oggi il generale dell'esercito Mick Slater, appena nominato a capo di una speciale task force di recupero, ha visitato Rockhampton per discutere i primi interventi con le autorità locali, annunciando il passaggio dalla fase di emergenza a quella di ripulitura. Ha avvertito tuttavia che la ricostruzione di alcune delle infrastrutture potrà richiedere anni.
Le inondazioni hanno colpito 22 città e centri minori del Queensland, devastato i raccolti e interrotto le forniture di carbon coke, di cui il Queensland il maggior esportatore, facendo già lievitare i prezzi internazionali. Sono state allagate circa 40 miniere di carbone e danneggiato le linee ferroviarie per il suo trasporto.
Le stime del costo totale del disastro variano fra 5 e 9 miliardi di dollari australiani (fra 3,8 e 6,8 miliardi di euro), ma con le inondazioni destinate a continuare, il bilancio finale non sarà possibile per qualche tempo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS