Navigation

Australia: ordine di uccidere squalo dopo 3 attacchi

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 ottobre 2011 - 09:48
(Keystone-ATS)

Il primo 'ordine di uccidere' mai emesso contro uno squalo dalle autorità dell'Australia occidentale ha fatto scattare un'intensa caccia allo squalo bianco di tre metri che sabato ha sbranato un turista americano che faceva nuoto subacqueo, nel terzo attacco mortale nella zona in meno di due mesi. George Wainright di 32 anni si era tuffato da una barca presso l'isola turistica di Rottnest al largo di Perth. Secondo testimoni, il mare ha cominciato a ribollire e poco dopo è emerso il corpo dilaniato del sub.

La successione di attacchi ha suscitato l'incubo di un 'serial killer' degno del film dell'orrore 'Jaws' in agguato presso l'isola, anche se secondo gli scienziati è più probabile che siano stati tre diversi squali responsabili delle uccisioni. Il ministro della pesca Norman Moore ha ordinato che lo squalo sia catturato e ucciso per la minaccia alla sicurezza pubblica e le autorità marittime hanno disteso lenze con esche al largo dell'isola nella zona dell'attacco.

La caccia continua ma le lenze sono state rimosse per evitare che le esche attirassero altri squali. Il premier dell'Australia occidentale Colin Barnett ha raccomandato di intensificare la sorveglianza aerea e di aumentare il numero di squali che i pescatori sono autorizzati a catturare.

"Molti segni mostrano che il numero di squali è in aumento", ha detto Barnett. "Bagnanti, surfisti e sub devono sapere che questo è il regno della fauna marina e lo squalo è il primo predatore".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?