Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Banca cantonale di Zurigo (BCZ) ha realizzato un utile netto di 729 milioni di franchi nel 2010, in calo del 3%. Lo ha annunciato oggi l'istituto di credito, precisando che l'afflusso netto di nuovi fondi si è fissato a 12 miliardi di franchi, contro 6,3 miliardi nel 2009.

Di tale somma 4,5 miliardi sono provenuti dalla clientela privata, il resto da investitori istituzionali e da imprese. A fine esercizio la BCZ aveva in gestione patrimoni pari a 165,1 miliardi di franchi, contro 150,2 miliardi un anno prima.

Il totale dei prestiti ipotecari è salito nel periodo in esame di 3,6 miliardi a 62 miliardi di franchi. Si tratta di una crescita notevole, ma in Svizzera e nel cantone Zurigo non ci sono segnali di un surriscaldamento generalizzato del mercato immobiliare, osserva la BCZ.

I ricavi delle operazioni su interesse sono in calo del 2,6% a 1,1 miliardi di franchi. Il risultato delle operazioni di negoziazione è in flessione, soprattutto a causa della debolezza a livello di obbligazioni, del 27,8% a 367 milioni di franchi. I proventi delle operazioni in commissione e delle prestazioni di servizi si sono attestati a 532 milioni di franchi, in calo del 4,7%. L'utile lordo è diminuito del 15,4% a 847 milioni di franchi.

Dell'utile realizzato dalla BCZ, complessivamente 379 milioni andranno al cantone di Zurigo e ai comuni zurighesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS