Navigation

Banca nazionale svizzera: perdita di 19,17 miliardi nel 2010

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 marzo 2011 - 08:12
(Keystone-ATS)

La Banca nazionale svizzera (BNS) ha chiuso l'esercizio 2010 con una perdita consolidata di 19,17 miliardi di franchi, contro l'utile di 9,96 miliardi conseguito l'anno precedente. Sul risultato definitivo, in gran parte già anticipato in gennaio, hanno pesantemente influito i massicci acquisti di euro della scorsa primavera, quando l'istituto di emissione aveva tentato di arginare l'apprezzamento del franco rispetto alla valuta unica europea.

Il risultato della casa madre (ossia della BNS quale società singola), determinante per la distribuzione degli utili, è stato negativo per 20,81 miliardi, conforme quindi ai 21 miliardi annunciati come prima stima a metà gennaio. La differenza con la perdita consolidata si spiega con l'inserimento nel bilancio del fondo di stabilizzazione creato per amministrare gli attivi cosiddetti tossici di UBS.

Come negli anni precedenti la BNS verserà 2,5 miliardi di franchi alla Confederazione e ai cantoni. È inoltre previsto un dividendo invariato, per un volume totale di 1,5 miliardi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.