Navigation

Banche: FT; le più grandi in mirino autorità per capitale

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2011 - 08:16
(Keystone-ATS)

La autorità globali valutano l'imposizione di requisiti di capitale più stringenti per le 30 maggiori banche al mondo. Lo riporta il Financial Times, secondo il quale ogni banca sarebbe inserita in una categoria a seconda della dimensione e della complessità, e l'appartenenza a una determinata categoria farebbe scattare la necessità di accantonare ulteriore capitale.

Almeno otto banche, tre negli Stati uniti e cinque in Europa, dovrebbero accontare ulteriore capitale per il 2,5% dei propri asset, oltre a quanto previsto da Basilea 3.

Se il piano sarà adottato, Citigroup, JPMorgan, Bank of America, Deutsche Bank, HSBC, BNP Paribas, Royal Bank of Scotland e Barclays dovrebbero mantenere un core tier 1 del 9,5%. Goldman Sachs, Morgan Stanley, UBS e Credit Suisse apparterrebbero invece alla seconda categoria e dovrebbero accantonare un ulteriore 2% di capitale e avere una ratio minima del 9%. Altre 10-15 banche si potrebbero trovare a dover accantonare capitale ulteriore per lo 0,5% e il 2%.

Le autorità si riuniranno alla fine della prossima settimana. Le banche si oppongono al piano e ritengono di essere classificate con dati che non riflettono i loro sforzi per ridurre il rischio e gli asset.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.