Navigation

Barroso ai 27, servono tasse su settore finanziario

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 giugno 2011 - 16:02
(Keystone-ATS)

Per la Commissione europea c'è "una forte necessità" di decidere di avere una tassazione sul settore finanziario. Lo ha scritto il presidente José Manuel Barroso in una lettera inviata al presidente permanente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, precisando che "dopo l'estate la Commissione presenterà una proposta legislativa formale" sull'argomento.

Nel testo Barroso aggiunge che "in vista del G20 di Cannes continuiamo a lavorare per un accordo globale sulla tassazione delle transazioni finanziarie".

Nella lettera, inviata a quattro giorni dal vertice europeo, Barroso ricorda che l'argomento della tassazione del settore finanziario non è all'ordine del giorno, ma sottolinea che tale "primo passo" è necessario per "evitare la frammentazione del mercato interno sui servizi finanziari", per "assicurare che le istituzioni finanziarie diano un leale e sostanziale contributo a rimborsare i costi della recente crisi", per "affrontare le preoccupazioni sui profitti eccessivi" e per "creare appropriati disincentivi alle transazioni puramente speculative o eccessivamente rischiose".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.