Navigation

BE: antinucleari bloccano per ore accesso a centrale Mühleberg

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 settembre 2011 - 19:34
(Keystone-ATS)

Una cinquantina di attivisti antinucleari hanno bloccato oggi l'accesso alla centrale atomica bernese di Mühleberg. Con sit-in sulla strada che porta all'impianto volevano fermare gli "assurdi" lavori di revisione e di messa a punto delle misure di sicurezza. Nel pomeriggio la polizia ha sgomberato i dimostranti.

Alle 7.15 gli attivisti si erano riuniti sulla strada che porta alla centrale. Gli agenti della polizia cantonale giunti sul posto avevano dapprima reso attenti i dimostranti sull'illegalità della loro manifestazione. In seguito però si erano tenuti in disparte.

Intorno alle 16.00, dopo la scadenza dell'ultimatum posto ai dimostranti che avevano formato un secondo sit-in, i poliziotti hanno cominciato a far sloggiare i partecipanti di entrambi i blocchi, come confermato da un portavoce delle forze dell'ordine che non ha fornito ulteriori indicazioni. Stando agli organizzatori della manifestazione non è stata opposta alcuna resistenza.

In giornata Antonio Sommavilla, portavoce della società elettrica bernese BKW che gestisce la centrale, si era recato sul posto per farsi un'idea della situazione e aveva indicato che di domenica un blocco simile non ha grandi effetti. Per la BKW la cosa più importante è che "la nostra gente possa lavorare tranquillamente all'interno dell'impianto".

Gli attivisti hanno sottolineato che si è trattato di una forma di resistenza priva di violenza. La manifestazione ha voluto ricordare che malgrado i lavori di revisione la centrale di Mühleberg "ha delle carenze, come le fessure nel mantello di copertura del nocciolo, che minacciano la vita delle persone". Almeno 500'000 abitanti attorno all'impianto sono in situazione di pericolo acuto.

All'inizio di aprile un gruppo di attivisti si era accampato per settimane davanti alla sede principale della BKW a Berna. Il "campeggio antinucleare" fu smantellato dalla polizia a fine giugno. Apice della protesta fu una manifestazione davanti alla centrale di Mühleberg, cui partecipò un migliaio di persone.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?