Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUXELLES - La madre di Rachid Muhammad, il bambino di quattro anni e mezzo trovato due giorni fa morto sgozzato in un vialetto poco distante da casa, nella periferia residenziale di Bruxelles, ha confessato il delitto. Lo rende noto la procura di Nivelles che ha condotto le indagini.
La donna era già da ieri in stato di fermo, ma fino a poche ore fa continuava a negare di essere l'autrice dell'infanticidio. Questo nonostante gli investigatori avessero trovato tracce di sangue del piccolo anche nell'abitazione dove viveva con la sua famiglia, di origine siriana. Sequestrata anche quella che molto probabilmente è l'arma utilizzata per l'orribile omicidio, un coltello che la donna avrebbe accuratamente ripulito e rimesso al suo posto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS