Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In un Belgio alle prese con una crisi politica senza precedenti, il leader del partito indipendentista fiammingo (N-VA) di Bart De Wever, uscito vincitore dalle elezioni del giugno scorso, frena sull'idea di scissione del Paese.

"Non siamo un partito rivoluzionario", ha affermato De Wever in un'intervista al quotidiano francofono "La Libre Belgique". "Non siamo la Cecoslovacchia. Siamo fratelli siamesi e il legame è Bruxelles. Dire che possiamo dividerci è semplicista e pericoloso", ha osservato De Wever, a capo del partito che ha ottenuto il maggior consenso elettorale nelle Fiandre, la regione belga di lingua fiamminga.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS