Navigation

Berna: "Zibelemärit", grande affluenza al mercato delle cipolle

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 novembre 2010 - 17:57
(Keystone-ATS)

BERNA - Artistiche trecce di cipolle, coriandoli, bancarelle e una moltitudine di gente, il tutto avvolto da un particolare odore: come di consueto, anche quest'anno nel centro di Berna, dalle prime ore della mattina del quarto lunedì di novembre, si è svolto lo "Zibelemärit", il tradizionale mercato delle cipolle.
Decine di migliaia di persone si sono accalcate per le vie e le piazze del centro storico, attorno ai 613 banchetti dove erano esposte cipolle di tutti i tipi in forme di trecce, corone e ghirlande. Complessivamente erano in vendita 47,9 tonnellate di cipolle, un po' di più dell'anno scorso.
Anche l'affluenza è tornata ad essere grande. Lo scorso anno era stato registrato un calo di un quarto rispetto al solito, forse a causa dei timori per l'influenza suina. Stando alla polizia, di primo mattino vi era più o meno tanta gente quanto un anno fa, in seguito di più.
Come sempre lo "Zibelemärit" ha attirato anche gente da fuori: a Berna sono giunti 138 pullman, di cui 36 provenienti dall'estero. La festa si è svolta nella calma e non vi sono stati episodi particolari dal punto di vista della sicurezza, ha indicato la polizia.
I più golosi o affamati hanno potuto gustare le tradizionali minestre e torte di cipolle e, per accontentare i più piccoli, ma non solo, vi erano le colorate collane di caramelle di zucchero a forma di cipolle.
Secondo la leggenda, lo "Zibelemärit" è nato dopo che Berna accordò ai coltivatori friburghesi il diritto di vendere gli ortaggi in città in novembre, per ringraziarli dell'aiuto fornito nello spegnimento di un incendio che nel 1405 distrusse il centro urbano, uccidendo un centinaio di persone e mandando in fumo 650 abitazioni. Gli storici credono invece che all'origine del mercato delle cipolle vi sia una consuetudine introdotta nel XIX secolo dai contadini di Vully (FR), che iniziarono a vendere i loro prodotti nella città federale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.