Navigation

Bocciata iniziativa sulle armi

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 febbraio 2011 - 18:03
(Keystone-ATS)

L'iniziativa sulle armi è stata respinta. La maggioranza dei cantoni e del popolo ha infatti detto di No al testo. Gli svizzeri potranno quindi continuare a tenere il loro fucile d'assalto in cantina o nell'armadio.

I sondaggi della vigilia pronosticavano un risultato tiratissimo, ma così non è stato. L'elettore svizzero ha bocciato con il 56,3% dei voti l'iniziativa sulle armi, che avrebbe costretto i militari a consegnare il fucile d'assalto in arsenale al di fuori degli obblighi di servizio. Venti cantoni, tra cui Ticino e Grigioni, hanno respinto la proposta e sei, quattro romandi più Zurigo e Basilea-Città, l'hanno approvata. L'affluenza alle urne stata del 49,2%. Il Ticino ha detto "no" nella proporzione del 63,5%, i Grigioni con una percentuale del 65%

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?