Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le Borse europee, così come Wall street, non hanno accusato l'annuncio del deficit record degli Stati Uniti: i listini del vecchio Continente hanno chiuso sostanzialmente stabili, con Atene (+1,28%) e Lisbona (+0,71%) solide nonostante qualche tensione sui titoli di Stato greci e portoghesi.

Gli operatori finanziari non si sono insomma impressionati dall'annuncio del presidente Usa, Barack Obama, che pensa a una finanziaria per il 2012 da 3700 miliardi di dollari e che ha previsto un deficit di bilancio degli Usa di quest'anno che toccherà il record di 1600 miliardi di dollari.

Anzi qualche acquisto si è visto tra i titoli della chimica (+1,71% l'indice Dj stoxx specializzato) e delle materie prime minerarie, dove Xstrata è salito del 2,03%. Vendite contenute tra i titoli automobilistici, stabile il settore del credito, dove spicca il rialzo dell'1,92% di Credit Suisse. Tra i bancari deboli invece Lloyds (-1,71%) e Societe generale, che ha chiuso in perdita dell'1,24%.

Di seguito, la chiusura degli indici dei titoli guida delle principali Borse europee:

- Londra -0,05%

- Parigi -0,11%

- Francoforte +0,34%

- Madrid -0,27%

- Milano -0,26%

- Amsterdam +0,14%

- Stoccolma -0,52%

- Zurigo +0,01%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS