Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura in lieve ribasso alla Borsa svizzera, sulla scia dell'andamento sfavorevole di ieri negli USA e di oggi in Asia. Verso le 09.25 l'indice principale SMI segnava 7.983,83 punti, in calo dello 0,16%. Il listino allargato SPI era a quota 7.547,54 (-0,20%).

Sono risorti i timori di una riduzione delle misure di politica monetaria negli Stati Uniti. Ieri il presidente della Fed di Chicago, uno dei maggiori sostenitori del piano di stimolo della banca centrale americana, ha detto di non escludere che a settembre si possa decidere di iniziare a ridurre gli 85 miliardi di dollari di acquisti mensili di obbligazioni da parte della Federal Reserve.

La Borsa di Tokyo ha chiuso la seduta con il Nikkei in discesa del 4% a 13.824,94 punti, sull'onda delle preoccupazioni per il futuro delle misure di sostegno economico della Fed e in seguito al rafforzamento dello yen.

Apertura in calo per le altre principali piazze del Vecchio continente. A Milano l'indice Ftse Mib ha avviato le contrattazioni in ribasso dello 0,26% a 16.639 punti. A Londra l'indice Ftse 100 cede lo 0,18% a 6.592,62 punti. Alla Borsa di Francoforte il Dax nei primi scambi perde lo 0,41% a 8.265,33 punti e a Parigi l'indice Cac 40 scende dello 0,24% a 4.022,72 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS