Navigation

Borsa svizzera: apre in chiaro ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2011 - 09:34
(Keystone-ATS)

Partenza debole stamane per la Borsa svizzera. Alle 09.25 circa il listino principale SMI segna 5546,10 punti, in calo dell'1,11%. L'indice allargato SPI è a quota 5031,27 (-0,98%).

Dalle piazze asiatiche sono giunti segnali contrastanti e nella tarda serata di ieri si è assistito a vendite sui titoli tecnologici americani, hanno rilevato gli operatori. Sono attesi nuovi impulsi nel pomeriggio con la pubblicazione di dati congiunturali americani, fra cui le spese dei consumatori e l'indice PMI di Chicago.

La borsa di Tokyo ha chiuso invariata (-0,01%) con il Nikkei a quota 8700,29, penalizzato dal calo dell'euro, dopo tre sedute di fila al rialzo, scontando i timori su economia globale e crisi del debito di Eurolandia, malgrado il via libera tedesco al rafforzamento del fondo salva-Stati.

Chiusura contrastata, ieri, per Wall Street. Il Dow Jones è salito dell'1,30% a 11'153,98 punti, il Nasdaq ha perso lo 0,43% a 2480,76 punti e lo S&P 500 è avanzato dello 0,80% a 1160,27 punti.

La Borsa di Londra ha aperto al ribasso: l'indice FTSE 100 è in calo dello 0,29% a 5181,55 punti. A Francoforte il Dax cede lo 0,66% a quota 5602,55 e a Parigi il Cac 40 perde lo 0,57% a 3009,26 punti. Flessione anche a A Milano, dove il Ftse Mib arretra dello 0,67% a 14.944 punti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?