Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Borsa svizzera: chiude in positivo

ZURIGO - Dopo un'intera giornata ampiamente in territorio positivo, la Borsa Svizzera ha ridotto i guadagni a fine seduta. L'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 6532,84 punti (+0,21%) e quello allargato SPI a 5'858,48 punti (+0,10%).
Nel pomeriggio sono giunti i dati sulle richieste di sussidio di disoccupazione negli USA della scorsa settimana, aumentate di 18'000 unità a 409'000 rispetto alla settimana precedente (391'000). Gli analisti avevano stimato un rialzo a 408'000 unità.
In negativo chiudono i pesi massimi difensivi Nestlé (-1,11% a 53,6 franchi) e Roche (-0,29% a 137,1 franchi). Non meglio fanno i titoli ciclici Holcim (-1,06% a 69,95 franchi) e ABB (-0,43% a 21 franchi). Tra le blue chip perdite sono registrate anche da Julius Bär (-0,11% a 44,43 franchi), Lonza (-0,67% a 74,35 franchi) e SGS (-0,82% a 1'566 franchi).
Tutti in rialzo gli altri titoli del listino principale tra i quali spicca Transocean (+2,97% a 71 franchi). Oggi l'attenzione era concentrata sugli estratti del rapporto della speciale Commissione di inchiesta incaricata di indagare sull'esplosione della piattaforma Deepwater Horizon avvenuta lo scorso aprile nel golfo del Messico e che ha causato la più grave catastrofe ecologica della storia degli Stati Uniti. Nel rapporto si afferma che molte delle decisioni prese da Bp, Halliburton e Transocean, fecero aumentare i rischi di un'esplosione e, nel contempo, "risparmiare tempo e denaro".
Guadagni di oltre il 2% sono messi a segno anche da Swiss Re (+2,82% a 52,85 franchi) e Adecco (+2,05% a 64,8 franchi). Bene chiudono ZFS (+1,21% a 250,2 franchi) e i bancari con UBS e CS Group che avanzano rispettivamente dell'1,70% (a 16,18 franchi) e dell'1,77% (a 40,91 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.