Navigation

Borsa svizzera: in positivo anche nel pomeriggio

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 dicembre 2010 - 15:39
(Keystone-ATS)

ZURIGO - La Borsa svizzera si sta muovendo in territorio positivo anche nel pomeriggio. Il dato sui prezzi delle case negli Stati Uniti ha avuto scarso influsso sui listini. Verso le 15:25 l'indice SMI dei valori guida segna 6581,89 punti, in aumento dello 0,21%. L'indice complessivo SPI è a quota 5897,57 (+0,12%).
L'indice dei prezzi delle case negli USA, misurato da Standard & Poor's (S&P) e Case Shiller, in ottobre è sceso dello 0,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente e dell'1% rispetto a settembre 2010. "Una nuova recessione è sempre dietro l'angolo", afferma David Blitzer, presidente del comitato che cura l'indice presso S&P. "L'andamento delle vendite non mostra nessun segnale di ottimismo".
Sulla piazza elvetica, variazioni positive per i valori bancari: UBS sale dello 0,19%, Credit Suisse dello 0,29% e Julius Bär dello 0,71%. Tra gli assicurativi Swiss Re perde lo 0,10%, mentre Zurich Financial è in rialzo dello 0,49%.
Quanto ai titoli difensivi di peso, Nestlé non registra variazioni. Progressione invece per Novartis (+0,44%) e Roche (+0,58%). Fra i titoli legati al lusso, battuta d'arresto per Richemont e perdita di velocità per Swatch Group (-0,36%).
Holcim non registra variazioni. Il gigante del cemento ha annunciato ieri sera che rileva dal concorrente francese Lafarge otto cave di ghiaia e pietre, come pure quattro centrali per il trasporto di calcestruzzo in Alsazia e altrettante nella regione di Basilea.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?