Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo l'incertezza che ha caratterizzato la prima mezz'ora di contrattazioni, per il resto della mattinata la Borsa svizzera si è mossa al di sopra della linea di demarcazione. Verso le 11:30 l'indice dei valori guida SMI progrediva dello 0,27% a 7068,07 punti. Quello allargato SPI aumentava dello 0,24% a 6517,79 punti.

Tra le blue chip, a registrare i maggiori guadagni è Actelion (+3,49%). Il gruppo biotecnologico ha confermato le previsioni fino al 2015. Nell'ambito del suo programma di riacquisto accelerato di azioni per un volume totale di 800 milioni di franchi ha annunciato di aver comperato entro fine dicembre titoli per 383,4 milioni di franchi. L'operazione, si legge in una presentazione pubblicata sul sito web di Actelion, dovrebbe concludersi nel 2013.

Tutti in positivo i titoli bancari con UBS in crescita dello 0,73%, Julius Bär dello 0,67% e CS Group dello 0,41%. In difficoltà gli assicurativi: Zürich è invariato a 247,60 franchi, mentre Swiss Re perde lo 0,15%.

Quanto ai pesi massimi difensivi, l'unico in calo è Nestlé (-0,08%). Roche e Novartis registrano rispettivamente un incremento dello 0,37% e dello 0,84%

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS