Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Borsa svizzera: SMI chiude a +0,16%, pesa Nestlé

La Borsa svizzera, che a metà giornata aveva virato in negativo, ha chiuso le contrattazioni in territorio leggermente positivo, con lo SMI a +0,16% (6.717 punti) e l'indice allargato SPI a +0,14% (6.023 punti). Ha notevolmente pesato l'azione della multinazionale alimentare Nestlé, che dopo i buoni risultati annuali annunciati alla vigilia ha ceduto l'1,23%.

I risultati di giovedì sono stati in qualche modo "digeriti" nella giornata odierna, calma dal punto di vista dei risultati annuali di aziende e senza dati statistici di rilievo.

In crescita l'azione di Swiss Re, che guadagna 1,80% (a 59,2 franchi). Gli analisti parlano di acquisti dopo le buone cifre della vigilia. Vontobel ha confermato la raccomandazione "buy" ed aumentato l'obiettivo di corso. In aumento anche ABB (+1,56%, a 22,76 Fr.), Holcim (+3,27%, a 71,55), Swiss Re (+1,80%, a 59,25), Transocean (+1,93%, a 79,2 Fr.) e UBS (+0,96%, a 18,93). In cima alle blue chip si trova però Clariant (+4,7%), che si è ripresa della perdita di quasi il 15% dei due giorni precedenti.

A frenare il listino ci ha pensato Nestlé, che ha terminato le contrattazioni a -1,23% (a 52,25). E' andata così ridotta gran parte dei guadagni di ieri. I commenti sul gigante di Vevey tendono globalmente al positivo, ma la situazione delle materie prime, il corso del franco svizzero e l'attuale valorizzazione del titolo pesano sul suo potenziale di crescita. Goldmann Sachs e Merril Lynch hanno di conseguenza ridotto l'obiettivo di corso.

In calo Julius Bär (-1,17%, a 43,1) e in misura più contenuta Roche (-0,07%, a 138,4), Syngenta, Actelion e Swisscom. Quest'ultimo titolo ieri aveva ceduto oltre tre punti sulla scia dei suoi risultati inferiori alle attese per il 2010.

Sul mercato allargato, Phoenix Mecano (+1,7%) e Alpiq (-0,1%) hanno reso noto oggi i loro risultati, più o meno conformi alle attese. Phoenix ha quasi quadruplicato l'utile operativo e alzato le previsioni per il 2011, mentre l'utile di Alpiq è calato del 4,6%.

In generale le borse europee sono rimaste deboli dopo la decisione della Cina di aumentare ancora le riserve obbligatorie delle banche.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.