Apertura in ribasso stamane per la Borsa svizzera. Verso le 9.15 l'indice dei titoli guida SMI segnava una flessione dello 0,12% a quota 8815,13. Il listino allargato SPI era in arretramento dello 0,08% a 8691,73 punti.

In attesa dell'esito del referendum in Scozia, le rassicurazioni della Federal Reserve, che ha confermato ieri una politica monetaria altamente accomodante e tassi bassi per un "periodo prolungato", hanno dato una boccata d'ossigeno ai mercati.

Tutte in positivo le principali piazze europee: a Milano il Ftse Mib saliva dello 0,08% a 21'125 punti, a Parigi il Cac 40 progrediva dello 0,20% a 4440,33 punti, a Londra il FTSE 100 guadagnava lo 0,01% a 6781,84 punti, mentre a Francoforte il Dax cresceva dello 0,43% a quota 9703,10.

A Tokyo l'indice Nikkei ha terminato gli scambi facendo segnare un rialzo di 178,90 punti, superando quota 16'000 per la prima volta da inizio gennaio, a quota 16'067,57. Chiusura in territorio positivo anche per Wall Street. Il Dow Jones è salito dello 0,15% a 17'157,01 punti, il Nasdaq è avanzato dello 0,21% a 4'562,19 punti mentre lo S&P 500 ha messo a segno un progresso dello 0,1% a 2001,6 punti.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.