Navigation

Bosnia: crimini di guerra, 10 anni a serbo-bosniaco

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 novembre 2010 - 19:19
(Keystone-ATS)

SARAJEVO - I giudici di Bihac, nell'ovest della Bosnia, hanno condannato oggi a 10 anni di reclusione il serbo bosniaco Petar Arsenic, di 49 anni, che ha confessato il crimine di guerra ai danni di civili commesso durante il conflitto in Bosnia (1992-95) a Sanski Most.
Arsenic, riferisce l'agenzia di stampa Fena, ha ammesso di aver ucciso, insieme a Lazar Ristic e Predrag Devic, 15 civili musulmani nell'ottobre del 1995 ed ha patteggiato la pena con la procura promettendo di collaborare con la giustizia per diversi altri fatti avvenuti a Sanski Most nonchè di testimoniare a carico di Ristic e Devic, il cui processo inizia domani.
I tre uomini, che sono stati arrestati insieme il 5 maggio scorso nell'area di Banja Luka, avevano portato il gruppo dei civili musulmani in un boschetto, li avevano costretti a sdraiarsi per terra con la faccia in giù e gli avevano sparato alla testa con fucili automatici. Arsenic ha dichiarato in aula di essere pentito per il crimine commesso ed ha espresso le condoglianze alle famiglie degli uccisi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.