Navigation

Bossi: cimici, procura Roma avvia inchiesta

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 gennaio 2011 - 14:53
(Keystone-ATS)

ROMA - La Procura di Roma ha aperto un fascicolo processuale sul caso delle cimici trovate nell'ufficio e nella abitazione romani del leader della Lega Nord Umberto Bossi.
È stato lui stesso a raccontarlo chiacchierando con i giornalisti nella notte a Ponte di Legno. Bossi ha detto che la sua segretaria al Ministero si è insospettita perché - ha spiegato - "troppa gente sapeva quello che avevo detto solo a lei". Così sono stati fatti dei controlli "e hanno trovato una cimice nel mio ufficio al ministero e diverse nella mia casa di Roma".
Non le anno trovate a Varese, però. "Lì - ha commentato sorridendo - ho fucile da caccia e rivoltella". Il tutto è successo "un paio di mesi fa" ha spiegato il ministro che ha detto di non avere idea degli autori.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?