Navigation

BS: uccide marito per sbaglio, colpevole ma non punita

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 settembre 2011 - 17:50
(Keystone-ATS)

Una 32enne è stata riconosciuta colpevole di omicidio colposo oggi dalla Corte penale di Basilea. I giudici hanno però rinunciato a infliggerle una pena, ritenendo che abbia già sofferto a sufficienza. Su incitazione del marito, la donna aveva premuto sul grilletto di una pistola convinta che questa fosse scarica, e aveva ucciso il congiunto.

Il defunto marito aveva pulito la pistola il giorno prima del tragico fatto, avvenuto il 20 marzo, e aveva poi introdotto per errore un proiettile vero al posto di uno innocuo di manipolazione. A quel momento era verosimilmente sotto l'effetto della cannabis.

Secondo il racconto fatto dalla donna, questa ha aperto la cassaforte per prendere dei documenti quando il marito l'ha esortata a prendere in mano la pistola. La 32enne ha allora esclamato "mani in alto" e il marito le ha spiegato come utilizzare l'arma, dicendole di premere il grilletto e assicurandole che non sarebbe successo niente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?