Navigation

Canada: sotto il ghiaccio una nave del XIX secolo

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 agosto 2011 - 08:23
(Keystone-ATS)

Un tesoro nascosto sotto il ghiaccio. Lo ha trovato un gruppo di archeologi canadesi: l'Investigator, una nave del XIX secolo intrappolata nell'Artico, mentre andava alla ricerca della spedizione capitanata da Sir John Franklin e partita dall'Inghilterra nel 1845.

Una equipe di archeologi subacquei ha ritrovato il vascello lo scorso mese nella Baia di Mercy, al largo dell'Isola di Banks, nei Territori del Nordovest. All'interno nascondeva migliaia di reperti. Armi, tra cui un pregiato fucile praticamente intatto, scarpe da marinaio, campioni scientifici, oggetti personali della ciurma, una serie di bottiglie di alcolici e superalcolici nascoste nella "stanza degli spiriti" (in inglese bevande alcoliche si dice "spirits"), e tanto altro.

Gli archeologi di Parks Canada hanno dichiarato di aver trovato condizioni meteorologiche particolarmente favorevoli che hanno consentito la scoperta di un "tesoro" senza precedenti. L'Investigator, al comando dell'irlandese Robert McClure, lasciò un porto britannico nel 1850 per unirsi alla ricerca disperata di alcune navi disperse nella missione nell'Artico di 129 uomini guidati da Franklin. McClure entrò nell'Artico dal Pacifico ma rimase incastrato a sua volta nel ghiaccio nel 1853. Riuscì a creare una base nell'Isola di Banks e assieme ai suoi uomini fu infine salvato da un'altra nave britannica, ma il suo vascello non venne più trovato. Fino a ora.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?