Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La politica di sostegno dell'euro condotta dalla Banca nazionale svizzera (BNS) preoccupa i cantoni ai quali spettano i due terzi dei dividendi. Secondo Pascal Broulis, presidente della Conferenza dei governi cantonali, la BNS è intervenuta troppo presto sui mercati.
Visto il corso attuale dell'euro "valeva veramente la pena?", si chiede Broulis in un'intervista rilasciata a "Le Temps". A suo avviso la BNS confermerà massicce perdite nel 2010 a causa del sostegno all'euro, un altro esercizio così e sarà la fine dell'attuale sistema di ridistribuzione degli utili, afferma.
i cantoni dal 2005 ricevono un dividendo straordinario grazie alle vendite delle riserve di oro in eccedenza. Fino al 2017, data in cui scadrà la convenzione sulla spartizione degli utili, il dividendo distribuito deve rimanere attorno ai 2,5 miliardi di franchi, chiede Broulis.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS