Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I diplomatici svizzeri a Tripoli si sono sentiti assai soli durante la crisi con la Libia per il caso Hannibal Gheddafi. Stando a cablogrammi ora pubblicati da Wikileaks, hanno chiesto invano ad altre ambasciate un aiuto umanitario per i due ostaggi elvetici trattenuti nel paese nordafricano.

I rappresentanti elvetici hanno temuto a più riprese di essere dichiarati dal regime "personae non grate". A fine dicembre 2008, l'allora primo segretario d'ambasciata François Schmidt affermava di "svegliarsi ogni notte senza sapere se ci permetteranno di lasciare il paese o no".

Un anno più tardi, il primo dicembre 2009, l'incaricato d'affari elvetico Stefano Lazzarotto chiese all'ambasciata americana e a quelle di "diversi" paesi dell'Unione europea di fornire un aiuto umanitario ai due ostaggi svizzeri nel caso temuto di una sua espulsione. Lazzarotto le invitava "a fornire loro cibo e a vegliare alla loro salute e al loro benessere", stando a una nota redatta dalla sua omologa statunitense Joan Polashnik il primo dicembre 2009. Invano: un'assistenza diretta a cittadini svizzeri "potrebbe essere altamente pregiudizievole ai nostri interessi", commentava la Polashnik, chiedendo nel contempo al dipartimento di stato americano di prendere una decisione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS