Navigation

Caso Orlandi: telefonata a tv, Emanuela viva in manicomio Londra

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 giugno 2011 - 15:33
(Keystone-ATS)

"Io so dov'è Emanuela. È viva e si trova in un manicomio in Inghilterra, nel centro di Londra ed è sempre stata sedata. Con lei ci sono due medici e quattro infermiere". L'ultima rivelazione su Emanuela Orlandi, la figlia di un dipendente del Vaticano scomparsa nel nulla nel 1983 all'età di 15 anni, è arrivata con una telefonata al programma 'Metropolis', ieri sera sul canale tv RomaUno.

A parlare in diretta un anonimo che si è presentato come ex agente del Sismi (servizi segreti ramo militare), nome in codice "Lupo Solitario". In trasmissione si parlava del libro 'Mia sorella Emanuelà, scritto dal fratello della Orlandi, Pietro, e dal giornalista Fabrizio Peronaci, nel 28/esimo anniversario della scomparsa.

Secondo il sedicente ex agente dell'intelligence militare italiana, "la ragazza sarebbe stata prelevata a bordo di una Bmw nera, poi lasciata nel sotterraneo del parcheggio dove poi è stata ritrovata - si legge nella sintesi scritta diffusa da RomaUno -. La giovane sarebbe quindi stata trasferita su una Mini verde e sedata; a bordo dell'auto ci sarebbero stati anche un agente inglese e una donna".

"Emanuela è passata per la Germania, la Francia e l'Inghilterra" ha detto l'uomo al telefono. Il sedicente Lupo Solitario avrebbe deciso di parlare a 28 anni dalla scomparsa della Orlandi perchè "stuzzicato" e "tirato in ballo con delle falsità", come ha spiegato, e "a questo punto paga chi deve pagare", ha affermato, senza chiarire il senso delle sue parole.

Quando Pietro Orlandi gli ha chiesto quale fosse il movente del sequestro, l'uomo ha risposto: "Devi scavare in fondo a cosa faceva tuo papà, mi dispiace Pietro, scoprirai cose che non ti piaceranno".

Ercole Orlandi, il padre di Emanuela, morto nel 2004, secondo Lupo Solitario era venuto a conoscenza di giri consistenti di denaro da "pulire"; giri legati all"Istituto Antonveneta". Secondo il misterioso testimone, il rapimento di Emanuela Orlandi sarebbe legato a Roberto Calvi, il banchiere coinvolto nel crack del Banco Ambrosiano, trovato impiccato sotto un ponte a Londra nel 1982.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?