Navigation

Casse pensione segnano il passo nel 2010

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 maggio 2011 - 10:59
(Keystone-ATS)

Le casse pensione nel 2010 hanno segnato il passo. A causa della debole performance degli investimenti, il tasso di copertura in dicembre si è fissato al 91% per le istituzioni di diritto pubblico (+1 punto percentuale) e a quasi il 106% per quelle di diritto privato (pure +1 punto). Si tratta di valori poco variati rispetto alla fine del 2009, indica oggi Swisscanto, società di servizi controllata dalle banche cantonali.

Tra il 2008 e il 2009 il tasso di copertura era passato dall'85 al 90% per le casse di diritto pubblico e dal 97 al 105% per quelle di diritto privato. Il livello registrato nel 2010 è molto lontano dall'obiettivo del 115%, fissato per le casse senza garanzia statale, rileva Swisscanto.

Sulla performance dell'anno scorso hanno inciso anche perdite sugli investimenti in dollari e in euro, provocate dal rafforzamento del franco. Visto il basso livello dei tassi di interesse e la crisi debitoria di diversi stati, il raggiungimento di un rendimento sufficiente rimane la sfida principale per la previdenza professionale, spiega Swisscanto.

Lo studio presentato oggi a Zurigo si basa su 361 casse (2009: 278), che assieme hanno in gestione 426 miliardi di franchi. Il rendimento in media ha raggiunto lo scorso anno il 2,95%, contro il 10,3% nel 2009.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?