Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'anno scorso 626 coscritti su 38'407 sono stati congedati prima della scuola reclute perché considerati un rischio per l'esercito. Dai controlli ad hoc a cui vengono sottoposti i giovani è fra l'altro risultato che circa il 10% degli aventi obbligo al servizio militare aveva la fedina penale sporca.

Il portavoce dell'esercito Daniel Reist, confermando una notizia pubblicata oggi dal "Tages-Anzeiger" e"Der Bund", ha precisato che 281 giovani, dopo un ulteriore controllo, sono stati sospesi provvisoriamente poiché hanno violato la legge tra il reclutamento e l'inizio della scuola reclute.

Dall'estate 2011 tutti i giovani atti al servizio di leva sono sottoposti a un esame per valutare se costituiscono un potenziale pericolo per la sicurezza pubblica. In tal caso sono esclusi dall'addestramento militare e di conseguenza non ricevono l'arma d'ordinanza.

Fattore scatenante per l'introduzione di questi esami è stata l'uccisione di una ragazza di 16 anni con il fucile d'ordinanza da parte di un soldato alla fine del 2007, ad una fermata dell'autobus a Zurigo-Höngg. Per esaminare il potenziale pericolo dei coscritti vengono controllati casellari giudiziali e atti di polizia. Inoltre autorità, medici e psicologi possono segnalare sospetti in tal senso, anche senza l'accordo degli interessati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS