Navigation

Cern: nuovo esperimento produce fasci anti-idrogeno

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 dicembre 2010 - 16:26
(Keystone-ATS)

ROMA - A due settimane dalla prima produzione di antimateria e del suo intrappolamento, un altro esperimento del Cern ha prodotto particelle di anti-idrogeno e i risultati sono pubblicati oggi sulla rivista Physical Review Letters. Al nuovo esperimento, chiamato Asacusa, partecipa anche l'Italia attraverso l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).
Mentre l'esperimento Alpha ha intrappolato e studiato gli atomi di antimateria imprigionati in un campo magnetico a bassissima temperatura, Asacusa segue una strada diversa e bombarda gli antiatomi con microonde in modo da farli volare in uno spazio di qualche metro prima di disintegrarsi.
La nuova 'trappola' per l'antimateria usata dall'esperimento Asacusa si chiama Cusp e funziona grazie ad una combinazione di campi magnetici che costringono antiprotoni e positroni a stare insieme per formare atomi di anti-idrogeno.
Gli anti-atomi così ottenuti vengono incanalati in un sorta di "corridoio" vuoto dove i piccoli fasci di anti-idrogeno creati in questo modo possono essere studiati "in volo". "Grazie a questi metodi alternativi per produrre e studiare l'anti-idrogeno, l'antimateria non potrà più tenere nascoste a lungo le sue proprietà", ha osservato il coordinatore dell'esperimento Asacusa, Yasunori Yamazaki, del centro di ricerca giapponese Riken.
"C'è ancora da fare, ma siamo davvero soddisfatti che questa tecnica stia funzionando molto bene", ha aggiunto. "Il nostro esperimento ha prodotto atomi di anti-idrogeno e li ha fatti viaggiare nello spazio attraverso un campo magnetico", ha osservato Evandro Lodi Rizzini, dell'Infn di Brescia e responsabile della parte italiana della collaborazione Asacusa.
"Nella prossima fase - ha aggiunto - investiremo questi antiatomi di idrogeno con fasci a microonde, nei decimillesimi di secondo in cui questi si spostano nell'apparato. In questo modo vedremo come cambierà la loro polarizzazione. Lo scopo è capire se gli antiatomi reagiscono in maniera diversa rispetto agli atomi o se continua la simmetria apparentemente perfetta tra materia e antimateria".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?