Navigation

Coronavirus: Usa lavorano a due terapie con sangue guarito

La Food and Drug Administration sta lavorando a due le terapie sperimentali ricavate dal sangue di malati di Covid-19 (foto simbolica) KEYSTONE/EPA/ABBOTT LABORATORIES HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2020 - 15:08
(Keystone-ATS)

Sono due le terapie sperimentali ricavate dal sangue di malati di Covid-19 su cui sta lavorando la Food and Drug Administration (Fda), l'agenzia Usa che autorizza i farmaci.

La prima si chiama plasma convalescente e la seconda globulina iperimmune. Entrambe sono ricche degli anticorpi di chi è guarito dal nuovo coronavirus, come spiega l'Fda sul suo sito.

Al momento sono però limitati i dati che suggeriscono l'efficacia di queste terapie contro il Covid-19. Per questo si stanno conducendo delle sperimentazioni.

"L'Fda sta facendo un grosso sforzo a livello nazionale per portare le terapie per il Covid-19 ricavate dal sangue sul mercato il più velocemente possibile", ha spiegato il segretario alla Salute, Alex Azar.

Sulla base delle precedenti esperienze sui virus respiratori e i dati raccolti dalla Cina, questi prodotti potrebbero ridurre la gravità o accorciare la durata della malattia causata dal virus SarsCov2.

Ecco perchè l'Fda sta facilitando in ogni modo l'uso della terapia a base di plasma convalescente e lo svolgimento di sperimentazioni cliniche controllate nelle università per valutarne sicurezza ed efficacia. Sotto il coordinamento della Mayo Clinic e con l'aiuto della Croce rossa americana si raccoglierà il plasma e se ne distribuiranno migliaia di unità in tutto il paese per i pazienti che ne hanno bisogno nelle prossime settimane.

L'Fda sta anche lavorando con industrie e governo per accelerare lo sviluppo e disponibilità di globulina iperimmune - prodotto biologico ricavato dal plasma convalescente - per studiarla come potenziale terapia sotto la guida del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid). Per questo, conclude l'Fda, chi è guarito completamente dal Covid-19 da almeno due settimane è invitato a donare plasma, che potrebbe aiutare a salvare la vita di 4 malati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.