Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La naturalizzazione agevolata non va abolita, ma i criteri vanno inaspriti. Lo ha deciso oggi la Camera dei cantoni per 29 voti a 4. Il dibattito riguardante la legge sulla cittadinanza, avviato lunedì, non è ancora concluso.

Tra i promotori delle linea dura, Peter Föhn (UDC/SZ) avrebbe voluto sopprimere la naturalizzazione facilitate, procedura riservata al congiunto di uno svizzero/a, ai bambini apolidi e alle prole dei naturalizzati. La sua proposta non ha tuttavia convinto.

In ogni caso, per 19 voti a 17, i "senatori", seguendo l'esempio del Nazionale, hanno voluto estendere alla naturalizzazione agevolata i criteri d'integrazione richiesti per quella ordinaria, ossia la partecipazione alla vita economica o la volontà di voler seguire una formazione.

Lunedì, per 22 voti a 21, la maggioranza dei "senatori" aveva deciso che il candidato alla naturalizzazione dovrà aver soggiornato complessivamente in Svizzera almeno 8 anni, e non 10 come indicato dal Nazionale, prima di potersi decidere al grande passo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS