Navigation

Ebola: primi vaccini sperimentali in Africa nel 2015

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 ottobre 2014 - 16:41
(Keystone-ATS)

L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) prevede di disporre dei risultati iniziali sulla sicurezza dei candidati-vaccini contro l'ebola entro la fine dell'anno e di usare i primi vaccini sperimentali nei paesi dell'Africa occidentale colpiti dall'epidemia all'inizio del 2015. Lo ha detto oggi a Ginevra la direttrice generale aggiunta dell'Oms, Marie Paule Kieny.

"Parliamo di decine di migliaia di dosi e non di milioni di dosi e così come stanno le cose, non ci saranno campagne di vaccinazioni di massa a partire dal gennaio 2015", ha sottolineato precisando che molto dipenderà dai risultati delle prime fasi dei test.

L'Oms - ha ricordato Kieny in una conferenza stampa - segue in particolare due candidati vaccini: il VSV Ebo, che si basa sul virus della stomatite vescicolare e sviluppato dal Canada, e il ChAd3 della GSk che si basa sull'adenovirus dello scimpanzé.

"Prevediamo di disporre di risultati iniziali sulla sicurezza, l'immunogenicità e la dose necessaria entro la fine dell'anno", ma i test continueranno nei prossimi sei mesi-un anno, ha aggiunto Kieny ricordando che la dose necessaria determinerà in parte la quantità di vaccini disponibili.

Il vaccino della Gsk è attualmente in fase di test clinici negli Stati Uniti, a Oxford e in Mali e test clinici saranno in seguito condotti a Losanna. I risultati dei test nel capoluogo vodese riguarderanno circa la metà del totale di 250 volontari tra i 18 ed i 65 anni previsti e saranno molto importanti.

Anche per il vaccino VSV, i test d'immunogenicità e sicurezza sono cominciati e sono in corso negli Stati Uniti. Un test più ampio sarà condotto prossimamente ad Amburgo, Ginevra, in Gabon e Kenya.

La Kieny ha anche menzionato altri candidati vaccini allo studio, tra i quali il vaccino sviluppato dalla Russia, con cui l'Oms è in contatto. "C'è una forte spinta dei governi per l'uso di vaccini il più presto possibile", ha osservato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?