Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il vicepresidente egiziano Omar Soleiman ha affermato questa sera alla tv che il presidente Hosni Mubarak lo ha incaricato di aprire un dialogo con tutte le parti politiche.

"Il presidente Mubarak mi ha chiesto di avviare un dialogo su riforma costituzionale e legislativa secondo un calendario ben preciso", ha affermato Soleiman in un breve intervento alla tv egiziana.

Soleiman ha dichiarato inoltre che il presidente Mubarak ha "riaffermato la necessità di dare applicazione a tutte le sentenze della Corte di Cassazione". Secondo le prime interpretazioni, questa decisione potrebbe avere riflessi sui risultati delle elezioni parlamentari del dicembre scorso, che hanno escluso dal parlamento egiziano la presenza di tutte le forze politiche di opposizione.

"Le forze armate non useranno la violenza contro i cittadini, ma mettono in guardia contro atti che possano minacciare la sicurezza dello Stato", afferma intanto un comunicato delle forze armate e diramato dalla tv di stato egiziana alla vigilia della "marcia del milione" di domani al Cairo. La nota aggiunge che le forze armate giudicano "legittime" le rivendicazioni del popolo egiziano, che protesta da una settimana contro il governo.

Le forze armate definiscono "inaccettabile terrorizzare i cittadini" con atti come i saccheggi avvenuti nei giorni scorsi, sottolineando che la loro presenza in strada deriva dalla loro "preoccupazione per la salvaguardia della sicurezza dei cittadini".

Il comunicato aggiunge che "la libertà d'espressione è garantita per tutti unicamente con mezzi pacifici".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS