Navigation

Egitto: tutto pronto per scambio con presunta spia Israele

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 ottobre 2011 - 13:10
(Keystone-ATS)

È tutto pronto a Taba, località egiziana sul Golfo di Aqaba, per lo scambio fra 25 prigionieri egiziani detenuti in Israele e Ilan Grapel, il giovane con doppia nazionalità Usa-israeliana, accusato dagli egiziani di spionaggio durante la rivoluzione di gennaio.

Il valico, al quale si stanno radunando decine di familiari dei prigionieri, rimarrà chiuso fino a questa sera.

I 25 detenuti, dei quali tre minorenni, tutti appartenenti alle tribù beduine del Sinai sono stati condannati a pene detentive fra i tre e gli undici anni per traffico di armi e droga e ingresso illegale in Israele. Saranno portati nel pomeriggio a Taba mentre Grapel dovrebbe fare rientro in patria in aereo dal Cairo, anche se fonti ufficiali non confermano per motivi di sicurezza.

I detenuti rilasciati saranno accolti in una cerimonia ufficiale a Taba, alla quale parteciperanno i governatori del nord e sud Sinai oltre ai rappresentanti delle tribù beduine della regione.

Grapel, 27 anni, è stato arrestato dalle autorità egiziane a giugno, e il suo scambio avviene dopo quello di Gilad Shalit, ufficiale israeliano rilasciato da Hamas dopo una detenzione di oltre cinque anni, in cambio della liberazione di un migliaio di detenuti palestinesi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?